“È soltanto una battuta di pesca”. Ma i tunisini ci scaricano i migranti