Coronavirus, quasi 3mila morti: 1.084 i guariti in un giorno


 

Sono 475 i decessi in un solo giorno. Ma così tanti. Una dato che fa salire il numero delle vittime in Italia a 2.978.

Dall’inizio della diffusione del coronavirus nel Paese, 35.713 persone hanno contratto il Covid-19 (4.207 in più rispetto a ieri).

Attualmente i soggetti positivi sono 28.710, 2.648 in più rispetto a ieri, “un trend stazionario in questa settimana”. Sale anche il numero dei guariti: 1.084 in un solo giorno, per un totale di 4.025 (+37% rispetto a ieri). “I numeri sui guariti e sui contagiati ci fanno pensare positivo, sempre con l’adozione dei giusti comportamenti”, ha dichiarato il commissario per l’emergenza e capo della Protezione civile, Angelo Borrelli, nel corso della conferenza stampa quotidiana sull’emergenza sanitaria.

“È una curva ancora in crescita – ha dichiarato il presidente dell’Iss, Silvio Brusaferro -. Siamo in una fase in cui stiamo ancora misurando gli effetti delle misure adottate. Non dobbiamo mollare, i dati che quotidianamente presentiamo ci dicono che questa è la strada giusta per difendere le nostre persone più fragili e per far sì che le persone riescano a trovare assistenza nelle strutture ospedaliere”.

Lombardia

“I numeri sono quelli di una continua battaglia. Crescono quasi tutti, ma in maniera inferiore rispetto a ieri. È un elemento di cui dobbiamo prendere atto in modo positivo ma dobbiamo valutare poi il trend alla fine della settimana. I positivi ad oggi sono 17.713 (+1.493, mentre ieri era salito di 1.971), gli ospedalizzati 7.285 (+332), 924 le persone in terapia intensiva (+45). Ieri questo dato era cresciuto di 56 unità. I decessi aumentano in maniera importante: 1.959 (+319)”, ha spiegato l’assessore al Welfare Giulio Gallera.

“Nella provincia di Bergamo si registrano 4.305 casi (312 in più, ma in riduzione rispetto a ieri). A Brescia invece abbiamo 3.785 (+484). A Milano e provincia 2.644 positivi, 318 più di ieri”, ha contiuato Gallera che ha invitato di nuovo i cittadini a rimanere a casa: “Ancora oggi sono troppe le foto e i video che ci arrivano di persone che escono e vanno in giro. Così non va bene – ha tuonato -. Siamo consapevoli della fatica che può essere stare a casa per un periodo così lungo, ma è un sacrificio necessario”. Gallera ha sottolineato che “i dati rispetto a ieri parlano di un rallentamento, ma il termometro dei nostri ospedali è ancora di grande difficoltà” ed è quindi “importante e fondamentale che ognuno continui nell’azione per sconfiggere il virus”.

Lazio

“Il sistema sanitario sta lavorando a pieno regime e entro dieci giorni il numero delle terapie intensive dedicate all’emergenza Covid nella Regione Lazio salirà a 278”. Lo ha annunciato l’assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria del Lazio, Alessio D’Amato. Poi il punto sui contagi in regione. “Aumentano i casi, ce lo aspettavamo: oggi registriamo un dato di 117 casi di positività e 5 decessi, ma aumentano anche i guariti che arrivano a 42″, ha spiegato D’Amato sottolineando anche che 2.699 persone hanno terminato la quarantena”.

ilgiornale.it