“Multe agli spioni”. Il sindaco leghista che punisce chi segnala feste e assembramenti