“Voto a rischio”, poi la retromarcia: un altro pasticcio del governo