“Situazione paurosa, siamo vicini alla saturazione”. Allarme dall’ospedale milanese: chiudere o sarà troppo tardi