Quello che (ancora) non sappiamo sul nuovo coronavirus