“Pronti a distruggere l’Italia con un cyberattacco” Anche oggi una notizia priva di riscontro spacciata per vera per alimentare sempre più la propaganda anti Russia