Parma, accoltella moglie e figlia: ancora ricercato tunisino 54enne

Ha accoltellato l’ex moglie dopo essersi appostato in attesa del suo rientro dal turno di lavoro nella Casa protetta di Fornovo (Parma), ferendo anche la figlia che si trovava con lei.

Protagonista della vicenda un tunisino di 54 anni, fuggito dopo l’aggressione e tuttora ricercato dalle forze dell’ordine. L’episodio si è verificato ieri mattina, quando la 44enne e la figlia di 22 anni avevano appena lasciato un bar nei pressi di casa dopo aver fatto colazione. Anche la giovane, che era andata a prendere la madre in auto sul posto di lavoro, è rimasta coinvolta.

Il 54enne è sbucato fuori dal nulla e si è scagliato contro la ex moglie, riuscendo a ferirla seriamente all’addome ed alle mani con un lungo coltello da cucina. La 22enne ha cercato di proteggere la madre dal violento aggressore, rimanendo a sua volta ferita al collo ed al fianco. Provvidenziale l’intervento del barista che aveva appena salutato le donne dopo averle servite. L’uomo, infatti, è riuscito ad evitare che l’africano infierisse ulteriormente sulle sue vittime, obbligandolo a risalire in auto e ad allontanarsi dal posto. Rimontato a bordo della sua Nissan Qashqai, il tunisino ha premuto sull’accelleratore, facendo perdere le proprie tracce.

Immediato l’arrivo dei soccorritori del 118, che hanno trasportato la 44enne in codice rosso all’ospedale Maggiore di Parma, dove si trova tuttora ricoverata nel reparto di Terapia intensiva. Per lei una profonda lesione addominale e la lacerazione dei tendini di una mano, protesa in avanti per proteggersi dalle violente coltellate. Ciò nonostante, la donna non si trova in pericolo di vita.

Ancora in corso, invece, le ricerche del responsabile, sulle cui tracce si stanno muovendo i carabinieri del comando di Fornovo. Secondo la stampa locale, il tunisino già in passato si era reso protagonista di episodi di violenza nei confronti dell’ex moglie e della figlia 22enne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.