Il Lazio riconosce la vulvodinia come malattia cronica e invalidante, ma dovrebbe essere così in tutta Italia