I “trafficanti umanitari” di Sea Watch rifiutano di fare la quarantena: “Non è necessario”. È polemica