I “trafficanti” umanitari di Mediterranea tornano a prelevare clandestini: “Stiamo tornando nel Mediterraneo”