GIANLUCA VIALLI, “L’OSPITE È ANCORA CON ME”