Situazione fuori controllo in Calabria, dove proseguono da due settimane le proteste dei cittadini esasperati da coprifuoco, zona rossa e lockdown di fatto. Da una parte l’emergenza sanitaria, dall’altra quella economica. Soprattutto a Cosenza gli animi si stanno scaldando in modo preoccupante, contro le forze dell’ordine (gravi scontri la scorsa notte all’ingresso della autostrada Salerno-Reggio Calabria, con cariche e manganellate contro i manifestanti) e ora anche contro i politici. Decine di cosentini inferociti sono scesi in strada e sono andati fin sotto casa del consigliere comunale Morrone, titolare anche di alcune cliniche private: “Morrone, morrone vaffanc***o” e “Scendi pezzo di m***” sono solo alcuni dei cori violenti sollevatisi dalla folla.

Loading...

 

 

Loading...