“Vado ad assicurare l’auto”. I milanesi campioni di scuse