Straniero col Covid fugge dall’ospedale e va a rubare al supermercato: 6 carabinieri rischiano il contagio

Straniero col Covid fugge dall’ospedale e va a rubare al supermercato: 6 carabinieri rischiano il contagio

Roma, straniero col Covid fugge dall’ospedale e va a rubare al supermercato. A rischio contagio i carabinieri che lo fermano… Siamo alle solite. Ancora uno straniero insofferente alle regole. Ancora una scheggia impazzita che, infischiandosene del rischio contagio, fugge dall’ospedale in cui è ricoverato per Covid e, non contento, va a rubare in supermercato…

Roma, straniero col Covid fugge dall’ospedale

Succede tutto tra Roma e Aprila. E oggi, a rilanciare la notizia, è il sito di Latina Today. I fatti sono chiari quanto inquietanti: nonostante l’uomo, un 25enne di nazionalità romena, fosse positivo al Covid e ricoverato nell’ospedale Santo Spirito di Roma, l’uomo ha pensato bene di fuggire indisturbato dal nosocomio capitolino. Non contento di seminare panico e virus, lo straniero in fuga ha pensato bene di andare ad Aprilia a rubare nel locale supermercato di via Aldo Moro.

In fuga, va a rubare al supermercato di Aprilia

Stanato dai carabinieri, il giovane romeno ora dovrà rispondere del reato di furto aggravato e di violazione amministrativa delle misure anti Covid. Purtroppo, però, la notizia non esaurisce qui il suo carico di pericolosità e indignazione. Infatti, fermato dai militari per il furto, come la prassi prevede, le forze dell’ordine hanno immediatamente provveduto a portare l’uomo nella locale caserma per gli accertamenti di rito. Così, durante l’espletamengto delle formalità ordinarie, emerge che il 25enne si era allontanato arbitrariamente dall’ospedale, dove era ricoverato per Covid.

I carabinieri che lo fermano a rischio contagio

A quel punto, assicurato al personale sanitario dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, lo straniero è tornato alle cure del caso. Per tutti i carabinieri intervenuto sul caso, invece, si è aperto il preoccupante file del rischio contagio, con tutti gli annessi controlli epidemiologici. Tanto che, a c ausa del fermo eseguito e dei contatti intervenuti con lo straniero, ora i sei militari coinvolti nella vicenda che hanno avuto contatti diretti col positivo fermato, sono stati posti in isolamento fiduciario in attesa di effettuare gli esami virologici. Con tutta la preoccupazione il disagio che la situazione comporta…