Spacciatori prendono ordinazioni online e recapitano porta a porta: arrestati pusher nordafricani


 

Trento – In tempi di coronavirus anche gli spacciatori si adeguano: la Guardia di Finanza di Trento ha scoperto e arrestato tre pusher nordafricani che usavano i sistemi di messaggistica (Whastapp, Telegram) per ricevere le richieste dai loro clienti ai quali recapitavano poi la droga direttamente a casa.

In manette è finito un tunisino di 29 anni che ‘lavorava’ nei quartieri di Trento nord, in prossimità del Top Center. Bloccato immediatamente dopo l’ultima consegna, i finanzieri hanno perquisito la sua abitazione trovando una quindicina di dosi di cocaina, un bilancino di precisione, materiale per il confezionamento e 3.480 euro, ritenuti provento di spaccio. Un altro tunisino di 24 anni è stato trovato in possesso di circa 9 grammi di hashish e denunciato a piede libero. Entrambi sono risultati irregolari sul territorio nazionale. Importante sequestro di droga poi a Rovereto, dove i finanzieri perquisendo l’abitazione di un nordafricano hanno trovato in cantina circa tre etti e mezzo tra cocaina ed hashish, un cellulare e un dissuasore «taser».

In manette sono finiti lui e il fratello, sul quale pendeva un ordine di cattura ed si trovano ora nel carcere di Gardolo.

Fonte: https://www.ilgazzettino.it/