Si erano divisi le zone di spaccio: periferie e centri d’accoglienza. In manette 22 pusher, quasi tutti nigeriani