Revocato il fermo alla Ocean Viking: “Adesso pronti a ripartire”


 

È stato revocato il fermo amministrativo alla nave Ocean Viking, usata dall’Ong francese Sos Mediterranée per le attività perpetuate dagli attivisti nel Mediterraneo centrale.

La notizia è arrivata questo pomeriggio da Porto Empedocle, nel cui porto la nave era ferma da oramai cinque mesi.

Era infatti il 6 luglio quando la Ocean Viking ha fatto il suo ingresso nello scalo siciliano con 180 migranti a bordo. Dopo lo sbarco, il 23 luglio è arrivata la notizia del fermo. In particolare, a seguito di alcuni controllo da parte della Guardia Costiera, era stato emerso il provvedimento che ha bloccato il mezzo fino alle scorse ore.

I controlli da parte dei militari questa estate erano durati circa 11 ore, a seguito dei qual, come fatto sapere dalla stessa Guardia Costiera, sono emerse “diverse irregolarità di natura tecnica e operativa tali da compromettere non solo la sicurezza dell’unità e dell’equipaggio, ma anche delle persone che sono state e che potrebbero essere recuperate a bordo, nel corso del servizio di assistenza ai migranti svolto dalla nave, così come alcune violazioni alle normative a tutela dell’ambiente marino”.

Dopo il fermo, da parte di Sos Mediterranée erano piovute accuse nei confronti del governo italiano. In particolare, secondo gli attivisti dell’Ong francese dietro il provvedimento della Guardia Costiera c’era l’intenzione da parte di Roma di bloccare le attività in mare non solo della Ocean Viking ma di tutte le varie navi impegnate nel Mediterraneo centrale.

In questi mesi Sos Mediterranée ha cercato di ottenere la solidarietà da parte delle altre Ong e delle associazioni vicine alle posizioni degli attivisti. La revoca potrebbe adesso portare alla fine delle polemiche.

Così come comunicato dall’Agi, il fermo è stato tolto a seguito di una nuova ispezione della Guardia Costiera italiana attuata nelle scorse ore. I controlli avrebbero dato esito positivo, da qui la scelta dei militari di permettere e consentire alla Ocean Viking di ripartire.

E dal canto loro, gli attivisti hanno già fatto sapere di essere pronti a tornare in mare: “Dopo 5 mesi di costosi sforzi e discussioni con tutte le parti interessate – si legge in una nota stampa di Sos Mediterranée – la nostra nave di soccorso è stata rilasciata oggi dalla guardia costiera italiana. Riprenderemo le operazioni di soccorso nel 2021”.

Le polemiche dei mesi precedenti hanno in qualche modo sorpreso. La Ocean Viking è stata infatti la nave più attiva nel Mediterraneo centrale da quando nel settembre 2019 si è insediato il governo giallorosso. Il primo via libera da parte dell’esecutivo Conte II a una nave umanitaria, è stato dato proprio in quel mese alla stessa Ocean Viking. Da allora sono state diversi gli approdi della nave battente bandiera norvegese all’interno dei porti del sud Italia.

Dopo la revoca del fermo, c’è da aspettarsi nuove missioni dinnanzi le coste libiche a partire già dal prossimo mese.