Quegli 800mila versati a Open dall’imprenditore poi candidato nel Pd