Palamara: «Pago per tutti ma non ho peccato solo io. Per anni le toghe si sono spartite le nomine»