Palamara, i magistrati vogliono distruggere le registrazioni per coprirsi le spalle