Ora nell’hotspot “colabrodo” è esploso l’inferno del Covid