Milano, rapinatore bloccato e preso a pugni da tre rider: stava cercando di rubare le loro bici


Credendo di non essere scoperto, poco prima dell’alba di giovedì, alle 5, si è introdotto nel cortile di un condominio in via Parma, al confine tra Milano e San Donato Milanese. Obiettivo: tre biciclette lì parcheggiate. Peccato per l’uomo, un cittadino italiano di 23 anni, che i proprietari siano stati svegliati dal suo armeggiare e lo abbiano affrontato fino a immobilizzarlo.

È così che un gruppo di coinquilini afgani, che oltre alla nazionalità condivide casa e lavoro da rider, ha deciso di impedire il furto dei loro mezzi di lavoro. La reazione del 23enne, come ricostruito dalla questura di Milano, si è trasformata in una scazzottata tra lui e le vittime del tentato furto: 30, 28 e 23 anni. Ad avere la meglio sono stati i tre asiatici.

Quando sono arrivati gli agenti delle volanti, chiamati dal trio, il ladro era ormai immobilizzato e leggermente ferito dai pugni ricevuti. Per lui è stato necessario il trasporto al Policlinico di San Donato, in codice verde, per essere medicato. Poi è stato arrestato per rapina aggravata ed è finito in carcere.