Migranti, un altro barcone al largo di Malta. L’Ong: ​”Sono in 100, fateli sbarcare”

Mentre il Papa proprio oggi dice che l’Europa “apre i porti alle imbarcazioni che devono caricare sofisticati e costosi armamenti, capaci di produrre devastazioni che non risparmiano nemmeno i bambini”, ma li chiude ai migranti, con tanto di risposta di Matteo Salvini (“L’esortazione del Papa a salvare vite? Noi questo lo stiamo facendo.

Tra il 2015 e il 2018 sono stati recuperati 15 mila corpi, mentre nel 2019 due corpi e tra morti e dispersi dichiarati siamo fermi a 500 per fortuna”), un’altra imbarcazione si trova nel Mediterraneo e chiede un intervento immediato.

A lanciare il solito allarme è Alarm Phone tramite i suoi canali social. “L’Alarm Phone – scrive la Ong su Twitter – è stato informato di un’altra barca in pericolo nella zona #SAR Maltese. Ci sono circa 100 persone a bordo che dicono di essere in mare già da 3 giorni! Abbiamo informato RCC di Malta alle 13”.

E dopo le varie traduzioni inglese, la Ong dice di sapere che “i vari velivoli di #EUNAVFORMED stanno sorvolando l’area da ieri ma non sono ancora intervenuti! Anche un’imbarcazione delle Forze Armate di Malta è nelle vicinanze”. Alarm Phone, quindi, spiega che circa un centinaio di immigrati a bordo dell’imbarcazione non hanno né cibo né acqua. E poi conclude chiedendo lo sbarco immediato dei migranti: “Alcuni stanno male e hanno bisogno di cure. Ci sono bambini e donne, alcune incinte. Urge soccorso immediato”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.