L’ammissione di Prodi: “Le mie privatizzazioni? Obblighi europei”