La Trenta non molla la casa dello scandalo e fa la vittima: “Ingiusta gogna mediatica”