Le Ong sono tornate e, con loro, aumenta il flusso migratorio dalla Libia.

Infatti, secondo il colonnello Masoud Ibrahim Abdelsamad, capo del Centro di coordinamento della guardia costiera libica, da molto tempo, “l’aumento delle partenze dalla Libia è correlato alla presenza delle navi delle Ong”.

Loading...

È quello che sta accadendo in questo mese. Una sorta di “effetto traino” delle navi delle organizzazioni che trasportano i migranti. Ma, a detta dei ricercatori, la realtà sarebbe ben diversa: a settembre, sarebbero stare 44 le partenze giornaliere con navi ong al largo, mentre 75 senza. “Il dato va integrato con la nostra attività- ribatte il colonnello, intervistato dal Giorno- Quando ci sono navi ong a largo, che sono un chiaro target dei barconi dei migranti, noi ne blocchiamo moltissimi”. Senza il lavoro della guardia costiera libica, quindi, sarebbero molte di più le partenze e questo aumento sarebbe determinato dalla presenza delle navi: “La grande maggioranza di quelli che vengono raccolti dalle navi delle ong, parte solo perché ci sono loro: salgono su gommoni e barconi che non riuscirebbero mai, dico mai a raggiungere l’ Italia. Sono natanti malmessi, in grado di fare poche decine di miglia al massimo. I trafficanti sono ‘smart’, usano internet, siti che mostrano il traffico marino, sanno bene quando c’è una nave ong al limite delle acque territoriali. E la usano, mandandogli barconi. È un meccanismo molto semplice e dal loro punto di vista, funziona benissimo”.

L’aumento di viaggi di migranti, inoltre, sarebbe dovuto anche alla missione navale europea Sophia, che è stata prorogata la scorsa primavera, senza però disporre di mezzi navali: “C’è, ma senza più navi. E i trafficanti vedono così un ostacolo in meno”.

Ma il flusso di migranti non arriva solo dalla Libia. Anche quello dalla Tunisia è aumentato: “Premetto che la mia è solo un’ ipotesi teorica- precisa il colonnello- perché non mi occupo di quel che succade a terra. Ma mi pare ragionevole che, dato che stiamo intercettando molti barconi in partenza dalla Libia, le organizzazioni che gestiscono il traffico lo abbiano in parte spostato in Tunisia. Del resto, non si rassegnano: cercano sempre alternative”.

Loading...

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.