I timer e l’audio choc: così i vigili di Alessandria sono caduti in trappola