Freccero: “Nessun regime era arrivato al punto di richiedere una patente per vivere”