Errore burocratico costa 1,2 milioni di euro a infermiere italiano in Belgio. I colleghi chiedono un’amnistia