“È un pericoloso jihadista”. Ma il killer di Londra era libero di uccidere