Coronavirus parrucchieri, la brutta notizia poco fa: cosa cambia