Coronavirus, in Italia più “pazienti zero”