Coronavirus, i buonisti difendono i detenuti: “Le rivolte? Sono angosciati…”