Coronavirus, ecco perché il soccorso cinese è un bluff