Teresa Bellanova, ultimatum a Giuseppe Conte: “Per le mie dimissioni non si dovrà attendere molto”


 

Il tempo stringe, ma Matteo Renzi e Giuseppe Conte non si sono ancora incontrati. Prima per colpa del leader di Italia Viva, poi della passerella in Libia del premier. Il faccia a faccia, salvo sorprese, si terrà questa sera. Ma nulla è così scontato. Non a caso Teresa Bellanova lancia un ultimatum senza precedenti. “Tempi? Per le mie dimissioni non si dovrà attendere molto, se non arrivano le risposte che noi attendiamo”, tuona a Tagadà su La7 la ministra delle Politiche Agricole e capodelegazione Iv. Nel mirino del partito la cabina di regia per il Recover Plan: il presidente del Consiglio vuole l’ennesima task force con manager e numerosissimi rappresentati. Renzi invece denuncia la volontà di Conte di esautorare i ministri. Entrambi pronti ad andare fino in fondo.

“L’emergenza sanitaria non può essere utilizzata per tenere in vita un governo” avverte la Bellanova per poi aggiungere: “Fare il ministro significa concorrere alla formazione delle decisioni, non fare tappezzeria. Se non si considerano alla pari i componenti del governo, non c’è ragione di starci”. Più chiaro di così.