Sono i professionisti dell’odio “democratico”. Da sempre si chiamano comunisti