SINDACO PIDIOTA EMANA SANZIONI ANTI-CATTIVERIA, MA INSULTA SALVINI COME L’ULTIMO DEGLI SCARICATORI DI PORTO


 

Ecco qui: il sindaco che emette l’ordinanza anti-cattiveria era solito insultare Matteo Salvini.La città di Luzzara, di cui Andrea Costa è primo cittadino in quota Pd, è diventato il primo Comune in cui la violenza verbale è messa al bando.
In caso di “esibizione di cattiveria, rancore o rabbia, verbale o fisica”, i malcapitati cittadini che verranno beccati a infrangere la regola saranno “puniti” con varie sanzioni, da quella di leggere la costituzione a altri libri, passando per l’obbligo di fare almeno dieci ore di volontariato.
A segnalare le infrazioni del buonismo potrà ossere “ogni cittadino di Luzzara o ogni persona che dovesse transitare sul territorio comunale” e basterà inviare una mail all’inidirizzo del Comune di Luzzara (stopcattiveria), fornendo ovviamente le prove della denuncia.
Ora, si può essere d’accordo o meno con la mossa del sindaco Pd. Qualcuno potrà anche credere legittimo sanzionare “ogni atto fisico teso a recare offesa a singoli o gruppi di persone, ogni forma di violenza” sia essa commessa nella vita reale o sui social. Qui il fatto però è un altro. Perché scorrendo la pagina social di Costa si scoprono insulti diretti contro Matteo Salvini.
“Sindaco del Pd emette un’ordinanza per “punire” la “violenza verbale, il rancore, la rabbia” (e già qui…) – scrive Salvini sul suo profilo social – nel frattempo mi dà pubblicamente del “pagliaccio che punta all’infermità mentale” e del “coglione”. Ma secondo voi questi cos’hanno nel cervello? E, soprattutto, quanto volontariato dovrà fare questo poveretto in base alla sua stessa “ordinanza”?”.
In effetti sul profilo Twitter di Costa (dove condivide fotografie del Luzzara), si legge: “È abbastanza semplice da dire: al Ministero degli Interni c’è un coglione pericoloso”. E ancora: “Ormai è chiaro, il pagliaccio ministro degli Interni @matteosalvinimi punta alla infermità mentale per uno sconto di pena. Non accadrà: dovrai rendere conto delle tue boiate senza attenuanti”.

Andrea Costa@costandrea15
È abbastanza semplice da dire: al Ministero degli Interni c’è un coglione pericoloso
29 utenti ne stanno parlando
E pensare che lo stesso Costa spiegava così, al Fatto Quotidiano, la scelta di emettere l’ordinanza contro la violenza. “Proprio perché intorno a noi vedo questo incremento di violenza e cattiveria nelle relazioni sociali fisiche e virtuali – diceva – mi sono sentito in dovere di fare qualcosa per preservare questa sorta di isola felice e creare, anche un pochino forzando quelle che sono le mie prerogative, un argine contro questa deriva”. La parola “cogl…” non rientra tra le cattiverie?
“ogni cittadino di Luzzara o ogni persona che dovesse transitare sul territorio comunale a segnalare la violazione di tale divieto, opportunamente segnalandolo alla scrivente autorità attraverso la casella di posta elettronica stopcattiveria@comune.luzzara.re.itfornendo le prove per quanto possibile della violazione (screenshot di pagine web, foto di messaggi pubblici, registrazioni audio e video, la testimonianza da parte di più soggetti che accreditino la violazione”
Fonte: http://direttanfo.blogspot.com/

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.