Quota 100 e Reddito di Cittadinanza si faranno. Addio Boeri all’Inps

Il Governo ha allo studio il radicale riassestamento della governance dell’INPS e dell’INAIL, per rinnovare dei vertici che nel tempo e negli anni si sono rivelati ben più che ostili. Una guerra politica, specie con Tito Boeri all’INPS, che ha difeso a spada tratta immigrati e riforma Fornero, tanto da indurre Salvini a commentare: “Si dimetta e si candidi in politica.” Già, una gestione nient’affatto che neutra.

Anche con il M5S non sono mancate frizioni, quando all’improvviso spuntò la relazione sul ddl dignità, che avrebbe prodotto 8mila posti di lavoro all’anno in meno, colpo di coda che fece nascere il caso della “manina” tecnica contro il popolo. L’ipotesi sul tavolo dunque sarebbe quella di un commissariamento dei due istituti, tornando magari ai consigli d’amministrazione, ch’erano andati in pensione 9 anni fa a favore di una presidenza uninominale e più muscolare.

In questo Gennaio arriveranno i testi delega su Quota 100 e Reddito di Cittadinanza, ed in ballo non ci sono soltanto 12 miliardi di euro da spendere, ma il modo, l’efficienza, la qualità, i controlli, affinché il tutto sia un successo e non un flop. Misure non facili da introdurre, ancora meno se chi è titolato alla cura delle pratiche, remi contro.

Un burocrate non eletto non dovrebbe stare sugli spalti a fare il tifo, ma nemmeno sabotare l’indirizzo politico del Paese. Il buon senso avrebbe richiesto dimissioni spontanee, perché rimanere a capo di un esercito che ha direttive diverse dai propri convincimenti? L’amor di poltrona regna più dell’amor patrio, si sa.

Boeri è da cima a fondo antitetico all’Esecutivo, perfino sull’Expo trovò il modo di gratificare la globalizzazione selvaggia: “Serve un progetto che renda Milano una «città-mondo» anche nella produzione e commercializzazione del cibo; un progetto che aiuti le comunità di migranti a promuovere una diffusa imprenditoria alimentare e crei una rete di spazi.” Magari in futuro lo troveremo a bordo di qualche ONG a stilare estratti conto previdenziali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.