Quando Travaglio fustigava chi cercava i “responsabili”