Paragone: “Conte è un bellissimo pavone nello zoo europeo”

 

“Luigi di Maio? Sta soltanto gestendo qualcosa che altri hanno scritto per lui…”.

Gianluigi Paragone giudica così la linea e l’operato del leader del Movimento 5 Stelle in questa fase.

Il senatore pentastellato, contrario al governo con il Partito Democratico, non si tira indietro dal criticare l’inciucio tra il suo partito e i dem. E sull’eventualità che possa essere allontanato dal M5s per il suo voto “no” al Conte-bis, ai microfoni di Radio Cusano Campus, dice: “Mi hanno chiuso tre trasmissioni in televisione e in radio per le idee che avevo, quindi sarebbe proprio paradossale se il Movimento mi cacciasse dato che mi aveva chiamato proprio perché mi erano stati chiusi i programmi”. E a seguire: “Non posso mettermi con quelli del Pd, io che credo che il Pd sia la porta d’ingresso del neo-liberismo in Italia”.

Dunque, l’ex direttore de La Padania, tira una stoccata: “È evidente che sia Grillo il regista di questa operazione; Di Maio sta solo gestendo qualcosa che altri hanno scritto per lui”. Dunque, sempre riferendosi al neo ministro degli Esteri, Paragone aggiunge: “Fa bene a circondarsi dei propri amici, perché se deve giocare una partita impostata da altri, almeno ha al fianco persone che conosci e di cui ti puoi fidare…”.

Ma non è tutto. Perché l’esponente 5s se la prende con l’Europa e con il premier: “La regola di questa Ue è cambiare i governi, purché non si cambino le politiche. Per questo hanno addomesticato Conte, che ora è un bellissimo pavone nello zoo europeo. E per questo, anche, si sono presi Roberto Gualtieri (nuovo ministro dell’Economia, ndr) che è esattamente l’uomo educato a quel tipo di politiche…”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.