Nomine ad amici e parenti: quello strano cerchio magico di Di Maio