L’ultima della Cirinnà: “Quote Lgbt nelle giunte e nei governi”