Le imprese del Sud ora vogliono i danni: “È stato un golpe”