La vergognosa fuga di massa: “Qui a Roma non ci controllano”