La sinistra ormai non capisce più le piazze. E se la prende coi “fascisti immaginari”