La rabbia dei poliziotti: “Derisi dai criminali e umiliati dai giudici”

 

Dopo l’episodio, l’ennesimo, raccontato nelle scorse ore relativo alla mancata condanna di una coppia di ladri scoperti a rubare ed arrestati dalla polizia , sempre più numerose si fanno le testimonianze di episodi analoghi raccontati dagli appartenenti alle forze dell’ordine. A proposito di questo, vi segnaliamo un articolo molto interessante a firma di Chiara Giannini pubblicato dal Giornale che potrete consultare di seguito. La versione completa alla fonte originale

«L’ho arrestato per sei volte perché spacciava. Quando gli ho tolto le manette mi ha riso in faccia»: è un poliziotto del centro Italia a raccontare disarmato il calvario cui vanno incontro gli agenti che ogni volta, a processo finito, vedono vanificato il loro lavoro.

Il caso risale a qualche mese fa. «L’uomo, un tunisino, vendeva grosse quantità di droga. Lo abbiamo pedinato – racconta – e fermato in flagranza di reato, mentre era intento a vendere lo stupefacente. Ogni volta abbiamo testimoniato in tribunale. Gli era stato imposto l’obbligo di firma, ma le pene dipendono dalla discrezionalità dei giudici, così al sesto processo gli è stato tolto, tanto non lo rispettava». Così l’extracomunitario è tornato a piede libero, a vendere morte, finché qualcuno non ha trovato il modo di espellerlo dall’Italia per motivi amministrativi però e non penali. Non era in regola con il permesso di soggiorno, ma ci sono voluti anni».

«Il problema è sempre lo stesso – spiega Fabrizio Lotti, segretario nazionale dell’Fsp Polizia -, ovvero una questione di norme da cambiare soprattutto per i reati predatori, quelli di allarme sociale che vanno dallo scippo alla rapina. C’è poi la questione dei protocolli operativi, perché il poliziotto che interviene in questi casi si prende delle responsabilità penali e amministrative non da poco. Non ha nessun tipo di tutela». A questo, per il sindacalista, si aggiunge che «in Italia c’è il libero convincimento del giudice che è diverso da ciò che è previsto nel diritto anglosassone. Finché sarà così ci saranno sempre sentenze differenti. Per questo auspichiamo una riforma delle leggi che sia dalla parte della Polizia».

 

I casi segnalati sono centinaia. «Sono stato 6 anni sotto processo – racconta un agente al Giornale – perché nell’ambito di una operazione per sedare una lite familiare sono stato ferito al volto con un coltello. L’aggressore e la famiglia hanno denunciato me e i miei colleghi perché secondo lui eravamo noi ad avergli fatto male. Alla fine siamo stati assolti, ma abbiamo dovuto buttare via decine di migliaia di euro in avvocati. Mentre l’uomo è ancora libero e continua a picchiare moglie e figli». Per leggere tutti gli altri episodi, vai all’articolo originale de IlGiornale

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.