Immigrazione, l’offensiva delle toghe rosse: “Adesso servono porti aperti”