Il documentario di Selma Blair è uno sguardo crudo sulla malattia e sul significato della resilienza