Il cagnolino della Trenta? Un’auto blu lo scortava al ministero